Era agghindato con uno sgargiante mantello rosso per non passare inosservato. Insistente e fastidioso, inseguiva fisicamente il debitore moroso in ogni luogo e in ogni ora del giorno e ne gridava ai quattro venti la situazione di insolvenza e lo stato patrimoniale, nel tentativo di rovinargli la reputazione. Fino a quando non otteneva la soddisfazione del pagamento a saldo.
E negli affari, si sa, la reputazione è tutto.
Praticamente un vero e proprio stalker.
Parliamo della "pittima", una figura tra storia e leggenda, raccontata anche da Fabrizio De André in una sua canzone.
 
"... e vaddu in giù a çerca i dinë
a chi se i tegne e ghe l'àn prestë
e ghe i dumandu timidamente ma in mezu ä gente..."
 
Trova la sua collocazione storica nel primo Rinascimento e quella geografica nelle Repubbliche marinare di Venezia e Genova.
Non a caso due repubbliche che fondarono la loro potenza sugli scambi commerciali, dove quindi la solidità dei pagamenti e l'affidabilità degli scambi erano un valore fondamentale.
 
Seppur i riferimenti storici siano piuttosto latitanti, ancora oggi la pittima è considerata una figura fastidiosa e sgradevole, un impiastro, come da derivazione etimologica.
 
Si racconta che inseguisse con alti lamenti e fino allo sfinimento il debitore, per ottenere il saldo del debito pendente, la cui riscossione le poteva fruttare una percentuale più o meno congrua.
Era pagata dal creditore, ma a tutti gli effetti era un soggetto pubblico, impiegato dallo Stato, intoccabile e protetto direttamente dal Doge. Godeva di assistenza pubblica in mense ed ostelli in cambio della disponibilità su richiesta delle istituzioni e chi la contrastava era soggetto a condanna certa.
Era reclutata fra i più indigenti, i disoccupati e gli emarginati e si usava descriverla molto solerte nell'adempimento del suo lavoro, che gli conferiva il potere che oggi potremmo definire di "stalking debitorio".    
 
Leonilde Gambetti
Scrivi un commento

Inviando questa email "Dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy e della Cookie Policy ed autorizzo lo Studio Corvi Credit & Solutions S.r.l. al trattamento dei dati personali